DO NOT IRON. 100% UNIQUE PIECE | SPEDIZIONE GRATUITA IN ITALIA

Pezzi unici ma naming collaborativo

“Gentili ragazze di Do Not Iron, sono qui con una vostra t-shirt, che ho scelto personalmente.
Mi permetto di scrivervi perché una volta nelle mie mani, ecco… mi è venuta voglia di darle un nuovo nome.
Alt, non fate quella faccia.
So benissimo che sono le t-shirt stesse a suggerirvi come battezzarle e non mi sognerei mai di mettere in discussione la confidenza e la fiducia che vi unisce a loro. Ma sapete anche voi quanto noi ragazze che le indossiamo ci teniamo a sentirle profondamente nostre e uniche.
Così, dopo essermi a lungo consultata con la t-shirt stessa, vi chiedo se sia possibile cambiare il nome che le avete dato.
Il fatto è che questa t-shirt (nata e acquistata “Deep Red”) ora mi suggerisce un sapore fine anni ‘70 – primi anni ’80. Avete presente il periodo di transizione tra punk e new-wave? Ecco, brave.

Vi avviso altresì che intendo aprire una consultazione social per accogliere nomi e ispirazioni delle mie amiche online.
Siete naturalmente invitate a partecipare!
Grazie

Roberta Deiana
(quella che non stira da 12 anni e vive con un dinosauro che non stira da milioni di anni)”

“Gentile Roberta, ebbene sì, noi diamo i nomi alle t-shirt, ma non è un nome scolpito nel cotone 100%.

Anzi, ci pare del tutto normale che una t-shirt stessa cambi idea, una volta nelle mani della persona che l’ha scelta e poi davvero la indosserà.
Quello che le diamo noi, insomma, è il nome migliore finché lei non incontra voi, e decide di cambiarlo. 

Quindi gentile Roberta, grazie per averci avvisato. Parteciperemo certamente alla definizione del nuovo nome insieme ai tuoi lettori.
Ci vediamo su Facebook?”

——-

E fu così che – seguendo l’ispirazione di Roberta – finimmo per lasciarci coinvolgere e ci andammo persino a ripescare alcuni vecchi dischi. Che alla fine gli anni ’80 erano tutt’altro che male, bastava saper scegliere.

Ed ecco alcuni dei nomi emersi nella discussione con i lettori di Roberta : God Save The Queen, A Berlino che giorno è?,  New York Dolls, One way or another, Atomic, Red Hot Chili Pepper, Una notte estetica un inconscio fragile, That’s Entertainment!, Lost in the red net, Sandinista, Roxanne, Every little thing she does is magic, Love Vigilantes, Spooky, Don’t stand so close to me.

Roberta infine scelse un magnifico Should I stay or should I go

E fu così che – per la prima volta in assoluto – un sito di e-commerce fashion cambiò il nome a un prodotto che aveva già venduto.
Noi ci teniamo ai primati.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *